Vai al contenuto

Articolo pubblicato nel fascicolo di Ottobre 2023 di Carta & Cartiere MOVIMENTAZIONE IN CARTIERA

ASRS IN STILE A.CELLI: IL SISTEMA INTRALOGISTICO PIÙ EVOLUTO PER BOBINE DI CARTA, TISSUE E TNT

Un magazzino semi-automatico è oggi sinonimo di minor produttività. Per ovviare al problema, A.Celli propone un ASRS (Automated Storage and Retrieval System) che fa della flessibilità e dell’efficienza i suoi punti di forza. La sua capacità di interfacciarsi con l’ERP aziendale permette, inoltre, di controllare ogni singola fase della manipolazione del prodotto e di essere certi che la singola bobina e il bundle ottenuto a fine processo rispecchino le caratteristiche richieste dal cliente.

di: A.Celli Group

I vantaggi di un ASRS

Sempre più aziende dell’industria della carta, del tissue e del tessuto non tessuto stanno implementando nuove tecnologie legate alle innovazioni dell’Industria 4.0 per digitalizzare i processi di produzione. Ciò implica che ormai praticamente tutte le linee di produzione siano automatizzate e i vantaggi in termini di operatività e qualità del prodotto finale sono evidenti.

Perché quindi non completare l’opera automatizzando l’intero impianto, partendo dai processi produttivi per arrivare alle operazioni di stoccaggio e spedizione?

Implementando un sistema ASRS si ottiene una gestione automatica e in tempo reale dell’inventario che ottimizza la movimentazione, lo stoccaggio e il recupero delle bobine in magazzino. Poiché lo spazio disponibile nell’area di stoccaggio è sempre molto limitato rispetto alle reali necessità, uno dei maggiori vantaggi dei moderni sistemi ASRS è la loro capacità di riorganizzare la disposizione dei prodotti, massimizzando lo spazio del magazzino sia a terra che in altezza.

Operando congiuntamente ad un sistema di Warehouse Control System (WCS), una soluzione ASRS ottimizza lo stoccaggio delle bobine, le strategie di picking e la produttività complessiva del magazzino. Questo perché la movimentazione è appannaggio degli AGV, ovvero veicoli a guida autonoma che non solo si occupano di spostare le bobine in magazzino collocandole nella posizione ottimale secondo l’ordine di lavorazione e di spedizione, ma anche di trasferire le bobine stesse da una macchina all’altra durante i cicli produttivi se necessario, minimizzando il transit time in totale sicurezza per il prodotto e per il personale.

L’automazione può quindi ridurre in modo significativo i costi di manodopera per le operazioni a basso valore aggiunto. L’ottimizzazione del flusso degli ordini e una maggiore ergonomia migliorano anche la sicurezza del magazzino, limitando l’impatto fisico sugli operatori sia per quanto riguarda lo sforzo compiuto per lo spostamento delle bobine, sia per la possibilità che avvengano incidenti con i mezzi adibiti al trasporto delle stesse.

Una movimentazione efficiente e accurata in base agli ordini in entrata e in uscita dal magazzino è oggi essenziale in un impianto per la produzione di carta, tissue e tessuto non tessuto. La scelta di un efficiente sistema di ASRS può portare ad un incremento radicale della produttività e a un rapido ritorno sull’investimento.

Un perfetto interfacciamento con l’ERP aziendale

Oltre a realizzare tutti i tipi di macchine necessarie per il fine linea e per il packaging della bobina, A.Celli è anche un fornitore di soluzioni per la movimentazione dei materiali, proponendo un ASRS completo per automatizzare e gestire l’intera intralogistica di un impianto. Il sistema può includere sia il software gestionale che gli AGV più adatti a movimentare in modo adeguato le bobine.

Elemento di distinzione del sistema di A.Celli è il system manager, un software per la gestione dell’inventario composto da un set di moduli principali (gestione ordini, gestione veicoli, gestione traffico e gestione layout) in grado di interfacciarsi con altri moduli secondari (specifici di ogni singola applicazione) oltre che di comunicare direttamente con l’ERP aziendale.

Magazzino automatico A.Celli con Trasloelevatore.

È proprio su questo aspetto che A.Celli ha lavorato molto, al fine di creare un process automation software che potesse dialogare in modo efficace con tutti gli ERP più diffusi. Il risultato è un sistema che, oltre a consentire una semplice integrazione con il sistema informativo già presente in azienda, permette di migliorare la produttività, effettuare un accurato controllo qualità, certificare la catena del valore e ridurre i costi. In pratica, ciò si traduce nella capacità di fornire in tempi rapidi la certificazione dell’avvenuto carico di un ordine ricevuto.

Un efficace sistema per l’automazione dell’intralogistica consente infatti all’azienda di fatturare oggi ciò che è stato ordinato oggi, perché il magazzino può coordinarsi automaticamente con l’area gestionale e il tempo tra l’evento amministrativo e il movimento dell’AGV è ridotto al minimo possibile. Poiché il processo di produzione e la movimentazione della bobina sono gestiti digitalmente, diventa inoltre possibile ottenere in tempo reale informazioni relative a ciò che sta accadendo alla bobina stessa in un dato momento, permettendo di tracciare in modo molto preciso la catena del valore del prodotto.

L’insieme dei dati raccolti possono confluire in un’etichetta virtuale, da affiancare a quelle fisiche, per completare il corredo di informazioni inerenti la produzione della specifica bobina. Si tratta di informazioni qualitative certificate e inviolabili, che possono quindi rappresentare un’importante testimonianza sia della qualità del lavoro svolto che della sua conformità all’ordine ricevuto, in caso di reclami da parte del cliente.

Prevedere il futuro con i dati del passato

Tramite l’impiego dell’intelligenza artificiale è possibile effettuare precise analisi e agire preventivamente per ridurre le problematiche causate da processi eseguiti in modo errato. Un sistema evoluto lavora con logiche di autoapprendimento sul campo e monitoraggio continuo da remoto.

L’autoapprendimento consente di sfruttare le potenzialità delle automazioni per adattarsi ai mutati scenari di lavoro nel tempo, caratterizzando la risposta del sistema alle sollecitazioni esterne (ambiente, operatori, linee e prodotti) in modo tale da eliminare gli errori e le inefficienze registrate nel passato. Il monitoraggio da remoto continuo, invece, consente di verificare l’ottimizzazione dell’impianto e intervenire sui parametri di lavoro per far sì che il sistema sia sempre portato a massimizzare la mole di lavoro prodotta, minimizzando al tempo stesso le risorse richieste per portare a termine tutte le missioni chiamate dal sistema.

Il monitoraggio da remoto, inoltre, ha la prerogativa di ottimizzare il ciclo energetico dell’impianto, minimizzando sprechi e garantendo la durabilità delle scarse risorse a disposizione, come ad esempio la capacità di accumulo delle batterie.

L’offerta di A.Celli è progettata per essere usata ad ampio spettro per l’automazione dell’intralogistica di qualsiasi tipo di impianto. Risulta però assolutamente vincente nell’ambito specifico della produzione e dello stoccaggio di bobine, soprattutto a completamento di una linea di produzione per tessuto non tessuto, carta e tissue.

Magazzino automatico A.Celli – particolare.
Torna alla homepage