Vai al contenuto

Articolo pubblicato nel fascicolo di Marzo / Aprile 2023 di Carta & Cartiere NEWS

La carta è un esempio di bioeconomiacircolare Made In Italy

Assocarta partecipa all’indagine conoscitiva sul Made in Italy della Commissione X della Camera dei Deputati presieduta dall’On. Gusmeroli.

La carta è un esempio di bioeconomia circolare Made In Italy in quanto coniuga la sostenibilità dell’impiego di materie prime rinnovabili con il riciclo dei prodotti a fine vita. Infatti, da un lato la carta è rinnovabile, riciclabile, biodegradabile e compostabile; dall’altro l’industria cartaria nazionale da sempre reimpiega carta e cartone usati nelle proprie produzioni e sviluppa così il concetto di economia circolare. I prodotti forestali, come la carta, sono un importante incentivo alla promozione di efficaci criteri di gestione del patrimonio forestale (circa il 90% della materia prima fibrosa acquistata dall’industria cartaria italiana è certificata FSC-PEFC)” – sintetizza così Massimo Medugno, Direttore di Assocarta, i contenuti della risposta all’indagine conoscitiva della Commissione X della Camera dei Deputati.

Nella nota inviata alla Commissione, tra l’altro, si evidenzia che l’Italia è al secondo posto tra i produttori di carta europei secondo i dati 2021, dopo la Germania. Nel contempo il settore cartario è il secondo, sempre dopo la Germania, in Europa per i volumi di carta da riciclare impiegati annualmente nelle proprie produzioni.

“Oggi il 63% delle carte e cartoni prodotti in Italia è realizzato a partire da carta riciclata e per alcune produzioni (carte e cartoni per cartone ondulato) la carta da riciclare è l’unica materia prima, con tassi di riciclo che nel comparto dell’imballaggio raggiungono già l’85% fissato dalla direttiva europea per il 2030” – conclude Medugno.

Torna alla homepage