Vai al contenuto

Articolo pubblicato nel fascicolo di Maggio / Giugno 2023 di Carta & Cartiere NEWS

Le industrie cartarie e forestali europeehanno ridotto le emissioni totali UE dicirca 410 Mt CO2 all’anno

Presentate a Bruxelles, presso il Parlamento Europeo, le nuove tecnologie per ridurre le emissioni di CO2 nella produzione cartaria.

“Dal 2005, le emissioni di CO2 nella filiera cartaria europea sono state ridotte del 36% e, con la progressiva sostituzione dei prodotti a base fossile, le industrie cartarie e forestali europee hanno ridotto le emissioni totali UE di circa 410 Mt CO2 all’anno – afferma Massimo Medugno, Direttore Generale di Assocarta.

È come se grazie all’impegno della nostra filiera cartaria fossero state tolte dalla circolazione 85 milioni di auto, ovvero l’intero parco veicoli immatricolato in Germania e in Italia”. La 4a edizione di REINVEST2050 è un’iniziativa di CEPI, Federazione Europea dell’Industria Cartaria, che offre una panoramica delle azioni fatte dai produttori europei di carta e cartone a favore del clima: una raccolta di testimonianze aziendali che hanno fortemente investito nella riduzione delle emissioni di CO2. 15 casi di buone pratiche aziendali completate negli ultimi due anni provenienti da tutta Europa.

A rappresentare l’Italia è l’azienda Lucart, con investimenti di oltre 33,5 milioni di euro suddivisi nei vari stabilimenti presenti in Italia ed Europa. Gli investimenti hanno riguardato l’ammodernamento dei sistemi di cogenerazione e la realizzazione di impianti fotovoltaici che comportano, nel loro complesso, risparmi di 13.000 tonnellate di CO2.

I progetti di Lucart inseriti in REINVEST2050 fanno parte di un piano più ampio elaborato dall’azienda per ridurre il cambiamento climatico e le emissioni legate al consumo di energia. Sono 70 i progetti innovativi realizzati dalle aziende e presentati nelle quattro edizioni dei rapporti REINVEST2050 dal 2017: un insieme di buone pratiche da cui tutta la filiera può imparare per continuare a decarbonizzare il comparto cartario.

In proporzione alle sue dimensioni, la filiera cartaria e forestale è tra i principali investitori della UE in progetti che mirano a decarbonizzare la produzione

Torna alla homepage